Studio Santi

Loft Rurale

Residenze | 2020

Progetto e Direzione Lavori: Arch. Stefano Santi - Team: Ettore Santi, Alessandra Rizzi, Stefano Bianchi - Strutture: Angelo Santi

Fotografie di Vito Magnanini


Il progetto di ristrutturazione dona nuova vita a una vecchia stalla, convertendola in moderna residenza unifamiliare. Posizionata a fianco della vecchia cascina padronale, la stalla originaria è stata trasformata in un "loft rurale", uno spazio domestico che conserva tutte le qualità dello spazio produttivo, come le grandi altezze, le vetrate ampie e luminose, e un sistema di passerelle sospese e connettivi a vista. Un esperimento di “rigenerazione rurale” che esplora nuove prospettive architettoniche e nuovi modi di abitare la campagna.

Il progetto di trasformazione ha mantenuto le forme originarie della Barchessa Lombarda, un edificio per il deposito di macchinari e attrezzi agricoli, con il tetto a doppia falda allungato sul lato sud: un archetipo dell'architettura spontanea padana. 

All'interno e in facciata, la residenza è strutturata con estremo rigore. Una sequenza di muri paralleli, già presenti nella stalla originale, piegano in facciata e chiudono parzialmente il fronte sud. Questi muri conferiscono una forte riconoscibilità all’edificio, funzionando sia come struttura portante, sia come elemento organizzatore degli spazi interni

Ne risulta una zona giorno di grande impatto emotivo. Lo spazio a tutta altezza si rivolge a sud, godendo di costante illuminazione dalle due ampie vetrate con profonde viste sulla campagna. La scansione ritmica dai muri paralleli genera prospettive moderne e sorprendenti. I percorsi fluttuanti a ballatoio consentono un contatto costante fra sopra e sotto, sovvertendo la consueta disposizione orizzontale dello spazio domestico. In questa esplosione di luce e spazio, l'arredo sembra fluttuare tra gli ambienti dilatati.

A nord, invece, l'edificio ospita i servizi a piano terra (come garage, bagni, e cucina), e la zona notte al piano superiore. Questi ambienti sono dotati di aperture più puntuali, che inquadrano la campagna verso nord, in direzione delle Alpi. 

Il concept del progetto porta anche a minimizzare l'impatto ambientale dell’intervento. Da un lato, l'edificio si conforma alle regole della bioclimatica, riducendo passivamente l'uso di riscaldamento e condizionamento grazie alla calibratura del sistema di aperture. Dall'altro, l'intervento azzera l’utilizzo di suolo, basandosi sul totale riuso di un edificio esistente abbandonato, che acquista nuove funzioni e dona nuova vita al paesaggio circostante.

 

4.4.2_ita.jpeg

azzini14

azzini1

azzini2

azzini3

azzini4

azzini13

azzini12

azzini7

_VIT9235_noQuadri.jpg

azzini11

azzini11

_VIT9344.jpg

azzini9

azzini8

azzini10

Casa AB6.jpg